CAF - Cuoio artistico fiorentino

Articoli da regalo in cuoietto fiorentino
Firenze

CAF - Cuoio artistico fiorentino

Articoli da regalo in cuoietto fiorentinoFirenze

CAF è l’acronimo di Cuoio Artistico Fiorentino, storica azienda artigiana dell'entroterra toscano, specializzata in prodotti realizzati a mano in pelle e cuoio. I processi produttivi che caratterizzano questa realtà affondano le radici nell’antica tradizione del cuoietto fiorentino che ancora si tramanda, confermandosi una delle eccellenze artigianali del made in Italy in tutto il mondo. I prodotti CAF sono idee regalo, articoli per la persona, oggetti quotidiani, momenti di bellezza da conservare nel tempo.
Clicca su una foto per visualizzare la gallery
L’unicità nel saper tramandare

La storia di CAF - Cuoio Artistico Fiorentino inizia nel 1948, a Firenze, quando Vasco Capanni affianca il maestro artigiano Rino Peruzzi nella sua bottega di lavorazione del cuoio. Vasco impara il mestiere, un saper fare antico e unico, che lo spinge a mettersi in proprio portando avanti la tradizione artigianale del cuoietto fiorentino con cura e dedizione.

Portagioie, bomboniere, porta sigari e sigarette, cartiere e piccole borse sono solo alcuni degli articoli che prendono forma all’interno della bottega.

Vasco trasferisce l’attività a Scarperia, un borgo nell’entroterra toscano e lì si dedica alla produzione di idee regalo, articoli per la persona, oggetti di uso quotidiano e nel 1956 riceve il riconoscimento di maestro artigiano. 

Il cuoietto fiorentino è una lavorazione diversa rispetto alla pelletteria: la pelle viene lavorata a mano con la coltella, piegata e battuta; non ci sono cuciture, le incollature vengono fatte con materiali vegetali o attraverso il cuoietto stesso che bagnato assume forme rigide, fissate una volta per sempre. 

Sembra che ci sia qualche segreto da scovare tra le righe ma soltanto il saper fare garantisce unicità. La lavorazione infatti non muta nel tempo ma si tramanda con identica precisione e finisce per diventare la ricetta perfetta.

Fabio, il figlio di Vasco, apprende tutto. Apprende soprattutto l’importanza della ripetizione. Col passare degli anni, infatti, anche l’industria del cuoio si evolve, arrivano nuovi macchinari, fioriscono strumenti innovativi, in CAF non cambia nulla.

Le uniche attrezzature che fanno comparsa servono per agevolare quel processo produttivo antico e originale. Anche il campionario non è che un’evoluzione del calssico. L’unicità resta immutata, raccontando un saper fare artigianale che ancora resiste al tempo identico a se stesso.