Takirai Design

Gioielli contemporanei fatti a mano
Firenze

Takirai Design

Gioielli contemporanei fatti a manoFirenze

Takirai Design è un laboratorio creativo nel centro di Firenze. È in questa città d’arte che Yoko Takirai e Pietro Pellitteri traducono le geometrie di un design innovativo nell’originalità di gioielli contemporanei fatti a mano. La proposta è esclusiva: forme pure, essenziali ed inedite definiscono la linea di gioielli artigianali che armonizzano forza e delicatezza, eleganza e leggerezza. Un effetto non convenzionale ma frutto di una ricercata tecnica orientata dal valore della tradizione orafa italiana e da un’inconsapevole carezza di tipo orientale.
Clicca su una foto per visualizzare la gallery
La regola dell’oro

Il padre di Yoko Takirai è uno scrittore, crea storie con le parole. 

La madre invece ha seguito la tradizione sartoriale di famiglia, crea “storie” con i meravigliosi colori dei tessuti dei kimono. 

Anche Yoko vuole creare ma la sua storia non ha a che fare né con le parole né con le stoffe: nello studio editoriale del padre ha incontrato tante personalità e forme d’arte ma qualcosa le dice che quella “grafica” non è proprio la sua dimensione artistica.  

Yoko è attratta dalla tradizione orafa, dei gioielli l’attrae il fatto che per essere indossati devono essere pensati (e disegnati) in un certo modo. L’arte orafa, per Yoko, non è una pagina bianca e vuota dove buttar giù la propria idea ma è anche “regola”, o meglio, una tecnica ben precisa da disegnare e seguire. 

È questo il percorso di Yoko: è proprio in questa regola, in questa struttura del gioiello che lei riesce a trovare ed esprimere la sua naturalezza e a creare cose belle, lineari e preziose. 

È in Italia però che Yoko definisce questo suo percorso, la sua regola: dopo la laurea negli Stati Uniti in Storia dell’Arte e Lingue straniere e dopo aver lavorato a Tokyo nel Museo della Letteratura Giapponese, Yoko arriva a Firenze e, in questa città d’arte e di tradizione orafa, concretizza la sua vocazione per il gioiello; si diploma alla scuola delle Arti Orafe, diventa orefice professionista, una designer di gioielli e affina le tecniche di incassatura e incisione. 

Nel 1998 avviene un incontro che dà origine ad una collaborazione speciale consolidata poi in una vera e propria intesa creativa quella con Pietro Pellitteri che è designer, art director, ha studiato Scultura e gli piace “sporcarsi le mani” con la materia, anche con l’oro e con l’argento. Nel 2002 questo prezioso sodalizio si concretizza con la nascita di Takirai Design, il brand con il quale Yoko e Pietro firmano la realizzazione di gioielli contemporanei intraprendendo un percorso di ricerca definito da un design innovativo: Takirai traduce la regolarità della linea geometrica in piccole opere d’arte tridimensionali, veri e propri gioielli artigianali dalle forme pure, essenziali ed inedite. 

Quella di Takirai Design è una proposta artistica dall’effetto non convenzionale, frutto di una ricercata tecnica orientata dal valore della tradizione orafa italiana e da un’inconsapevole carezza di tipo orientale: Yoko non si sente vincolata da nessuna impostazione, né condizionata dalle sue origini orientali, da un altro affascinante modo di fare perché creare per lei è un fatto spontaneo, applicare la tecnica le è atto naturale, è una cosa fra lei e il gioiello. 

Forse in questo fare e sentire c’è una reminiscenza di quell’amare e vivere la perfezione della regola dell’oro, un saper fare diverso- ma più suo- rispetto alla tradizione creativa di famiglia.  

Il suo è un design molto naturale e di ricerca e Pietro Pellitteri che invece porta con sé la sua Sicilia, affianca Yoko in un terreno comune, quello dell’ispirazione: si dà forma a gioielli che attirano con la loro regolarità geometrica formando uno spazio ermetico dove il vuoto gioca con il pieno. In armonia, leggerezza ed eleganza. 

I gioielli di Takirai Design sono entrati a far parte della collezione del museo degli Argenti di Palazzo Pitti a Firenze. Molte altre creazioni arricchiscono numerose e prestigiose mostre in Italia e all’estero.