TobeUs

Macchinine in legno
Milano

TobeUs

Macchinine in legnoMilano

TobeUs è un progetto ideato da Matteo Ragni, diventato manifesto per un nuovo design. Si tratta di una collezione di macchinine in legno di cedro, create con lo scopo di dar forma a giocattoli artigianali che stimolino una riflessione, educando a un consumo consapevole senza rinunciare all’estetica. Nata come scommessa personale, col sostegno di Alessi, TobeUs è diventata anche una mostra itinerante che si arricchisce di pezzi da tutto il mondo. La prima collezione, l’unica in commercio, è firmata anche da Giulio Iacchetti e Odoardo Fioravanti.
Clicca su una foto per visualizzare la gallery

Il progetto TobeUs nasce nel 2007 insieme a Tobia, secondogenito di Matteo Ragni, e prende forma da una spinta che è un malessere ma soprattutto un pensiero d’amore da padre a figlio: viviamo in un mondo di plastica in cui, però, un’alternativa è ancora possibile. 

La consapevolezza di potersi circondare di oggetti onesti, dunque, si accompagna al tema della paternità. Matteo Ragni scrive Il regalo che vorrei, un articolo indirizzato soprattutto ai nonni che sembra dire: invece che regalare oggetti non sostenibili, torniamo indietro, facciamolo insieme; affezioniamoci all’idea del giocattolo in legno così come è stato per voi da bambini.

Matteo costruisce la prima macchinina: due sole linee che danno forma a un blocco di legno di cedro. Per la prima collezione coinvolge due amici, due designer che condividono soprattutto il pensiero che sta dietro a questo piccolo giocattolo artigianale, Giulio Iacchetti e Odoardo Fioravanti. C’è il valore del made in Italy, certo, ma c’è anche il valore della generosità: le macchine vengono disegnate e regalate alla collezione, un gesto simbolico di appartenenza a un’idea. Le macchinine diventano cinque.

La prima serie si fa così portatrice di un pensiero. La macchina è un oggetto totemico che stabilisce le regole e i confini del mondo dell’infanzia. 

La macchina non si rompe, la macchina si può aggiustare all’infinito.

La macchina invecchia lentamente, con la persona. Le linee aguzze del legno a poco a poco si levigano con l’utilizzo, come le onde del mare.

La macchina può essere sporcata, disegnata, macchiata. Può tornare come prima ma può rimanere per sempre così. La macchina ti assomiglia.

La macchina attraversa le generazioni, si tramanda azione dopo azione. La macchina non inquina.

La macchina può diventare altro: un profumatore di armadi, un tocco di legna da ardere.

Nel 2010 Matteo Ragni coinvolge ulteriori importanti nomi del design italiano, nonni progettisti, testimonial del saper fare italiano che realizzano ognuno la propria macchinina. Sono: Alessandro Guerriero, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Italo Lupi, Mario Bellini, Michele De Lucchi. 

Nel 2012, grazie al sostegno di Alessi, nasce 100% TobeUs: una mostra itinerante che parte dal Museo della Scienza di Milano e si arricchisce del contributo di designers internazionali ad ogni tappa.

Oggi esistono più di centosessanta macchinine TobeUs.