Paesaggi urbani

Un’origine primordiale, quella di arcaiche forme insediative le cui tracce sono oggi tesori archeologici; poi l’assurgere, nel corso dei secoli, allo storico prestigio di Signorie e Principati, luoghi dunque di autonomia governativa e raffinata civiltà. 

Città, e ancora prima, liberi comuni o repubbliche marinare, attive e rigogliose, gelose del loro prestigio e della loro indipendenza. 

Città che furono un tempo castrum e in un altro tempo ancora piccoli o grandi borghi medievali, città e grandi centri, continuamente trasformate dalla creatività di artisti e mecenati, città divenute scenario di fatti epocali che hanno modificato il corso stesso della storia, città divenute il salotto di principi, duchi, papi e imperatori, città che hanno conservato tutta la bellezza del loro essere patrimonio storico, artistico e architettonico, città e luoghi di un paesaggio urbano squisitamente italico, disegnato ad arte da un tempo storico e da quella magnificenza artistica che, propria dell’Italia, lo rende, nella pluralità dei suoi aspetti, un bene prevalentemente storico e culturale.