Trame Siciliane

Testa di Paladino Orlando

€65.50IVA inclusa

Testa di Paladino Orlando

Tagliere in legno

€65.50IVA inclusa

La Testa di Paladino Orlando è un iconico tagliere in legno realizzato e rifinito a mano da Trame Siciliane. È ispirato dal concept progettuale di Gabriele D’Angelo: il designer siciliano omaggia la storia antica del Paladino Orlando, innamorato, fino a perdere la ragione, della bella Angelica. La celebre “furia” di questo epico personaggio è espressa anche nell’accurato effetto intarsio degli occhi del Paladino, evidentemente incrociati perché “impazziti” per amore. Ed è così che, una delle tradizioni più popolari della cultura siciliana, espressa da sempre nelle rappresentazioni teatrali dell’Opera dei Pupi, va a definire la bellezza e la funzionalità delle “Teste di Paladino”, una esclusiva Collezione di taglieri in legno artigianali caratterizzati da un pregiato decoro ad intarsio. 

Nome
Testa di Paladino Orlando
Collezione
Teste di Paladino
Materiali principali
  • Legno
Tecniche di lavorazione
  • Taglio con fresa CNC, incisione laser
Tipologia di produzione
Produzione semiartigianale
Tempi di produzione
8 giorni
Dimensioni

L 18.5 x H 39 x P 2 cm

Peso

0.85 kg

Stile
Contemporaneo
Designer
  • Gabriele D'Angelo
Note

Il prodotto è rifinito a mano

Tra design e territorio, la combinazione creativa perfetta di Trame Siciliane

Scopri il mondo di
Trame Siciliane
Il Brand

Tra design e territorio, la combinazione creativa perfetta di Trame Siciliane

Altri prodotti del brand
Potrebbero interessarti anche
Il territorio
Alcamo
Alcamo
Alcamo

Un territorio generoso. Ce lo offre quella parte di Sicilia occidentale che comprende la provincia di Trapani: siamo al declivio del Monte Bonifato che, con le sue altezze, fa da tetto a questa bella parte dell’isola. Ed Alcamo è qui, come sospeso tra cielo e mare per concedersi tra vedute e luoghi suggestivi; da Punta Raisi al promontorio di Capo San Vito e lungo tutto il Golfo di Castellammare. 

Il suo centro storico è caratterizzato da chiese trecentesche, rinas...

(Continua)